Il tuo IP č 100.24.125.162
Notizie

 
TiTiCi LGL Pro Team MTB

TiTiCi LGL Pro Team: Lisa Bacchiavini e Francesco Figini

Inserito il 28 febbraio 2012 alle 10:49:00 da enrico. IT -

L’atleta reggiana e lo scalatore comasco chiudono la presentazione del roster del team mantovano. Per entrambi un passato nel ciclismo su strada. La nuova avventura con le ruote grasse, in cerca di conferme.


28 febbraio 2012 – Si chiude la carrellata degli atleti Elite del TiTiCi LGL Pro Team con la presentazione di due giovani accomunati da un passato degno di nota nel ciclismo su strada. L’indiscutibile valore atletico di entrambi verrà messo alla prova nel 2012 dalla nuova avventura nel circuito professionistico della MTB.

Lisa Bacchiavini, ventisettenne reggiana di Guastalla, inizia la sua carriera sulle due ruote su strada a soli sette anni, attraversando tutte le categorie giovanili cogliendo numerosi successi fino al passaggio al professionismo nel 2003. Dopo sei anni di attività, durante i quali partecipa anche al Giro di Italia e al Tour de France, decide di dedicarsi alla MTB.
Dopo tre anni di esperienza nel mondo amatoriale, che nel 2011 la vedono indossare la maglia tricolore nel Campionato Nazionale Marathon di categoria, nel 2012 con il TiTiCi LGL Pro Team arriva l’opportunità di misurarsi nuovamente nella massima divisione anche delle ruote grasse.

Avevo scelto di passare al mondo della MTB per cambiare ambiente – conferma la Bacchiaviniperché dopo tante stagioni da professionista su strada volevo tornare a divertirmi in bici senza pressioni. Dopo i buoni risultati ottenuti negli anni ho accettato la sfida di rientrare nel mondo del professionismo, stavolta in MTB, perché sono ancora giovane e voglio provare a giocarmi nuovamente le mie carte. Con il team mi trovo bene, vedo d’accordo con tutte le mie compagne di squadra. La bici TiTiCi mi ha lasciato piacevolmente sorpresa. In questo 2012 cercherò di partecipare a Marathon, Granfondo e gare di Cross Country, l’obiettivo sarà comunque quello di poter sempre ben figurare, con un occhio di riguardo per il Campionato Italiano Marathon di Schio (VI)


Francesco Figini

Anche Francesco Figini, comasco ventiseienne, approda alla MTB dopo un’ottima esperienza nel ciclismo su strada. Nelle categorie giovanili e da dilettante Figini dimostra indubbie qualità atletiche, che purtroppo alcune cadute e infortuni fanno sì che non siano espresse al massimo negli anni 2008 e 2009. Quando però la malasorte decide di dar lui una tregua emergono immediatamente le sue doti sportive, in un crescendo che dal 2010 al 2011 lo porta ad ottenere un prestigiosissimo successo in una delle gare più dure del calendario dilettantistico, la Ghisallo-Muro di Sormano. Nel 2012 tutto sembra pronto per il passaggio al professionismo su strada, ma all’ultimo l’operazione non va in porto. Nel frattempo Figini conosce il presidente del sodalizio mantovano Francesco Bondi, che ne riconosce immediatamente le potenzialità e gli propone una nuova avventura come professionista nel mondo Elite in MTB.

Per me quello della MTB è un ambiente nuovo – spiega Figinima è molto stimolante. Il team mi ha subito coinvolto nel suo progetto. Ringrazio moltissimo la mia ex-squadra, che mi ha permesso di arrivare al professionismo, per me comincia adesso una nuova avventura molto stimolante. L’ambiente è ottimo, c’è molta meno tensione che nel ciclismo su strada, c’è molta professionalità ma altrettanta tranquillità. In questo mio primo anno cercherò di migliorare la mia tecnica e di adattarmi alle gare, visto che in passato ho utilizzato la MTB solo per allenarmi nei mesi invernali. Il feeling con la bici TiTiCi è ottimo, pur non avendo grandi termini di paragone arrivando dal ciclismo su strada posso dire che la bici da 29” che sto utilizzando mi fa sentire molto più padrone del mezzo rispetto a una 26”. Sicuramente sfrutterò i primi mesi di attività per fare esperienza, cercando poi nei mesi estivi di ben figurare nelle Marathon. Parteciperò alla Transalp insieme al mio compagno Mattia Longa e anche al Sella Ronda Hero. Credo che le gare lunghe e dure possano essere le più adatte alle mie caratteristiche.

Letto : 1723 | Torna indietro