Il tuo IP č 35.175.191.72
Notizie

 
Team ASD Scatenati 2015

KTM ASD Scatenati: Stefano Benci tra bici e tartufi

Inserito il 29 luglio 2015 alle 18:00:00 da roberto. IT -

Per lui le granfondo sono sinonimo di agonismo ma soprattutto una grande occasione per incontrare persone con la stessa passione e farsi amici in giro per l'Italia. Corre nella categoria più agguerrita - quella dei Veterani - inseguendo la vittoria per onorare il suo team. Dove abita lui c'è la neve diversi mesi all'anno così passa l'inverno sui rulli, seguendo sensazioni, esperienza e consigli. Il suo segreto? In autunno stacca per dedicarsi alla ricerca di tartufi.


Stefano Benci in azione alla GF Dieci Colli 2015. [ph Play Full]

Stefano Benci

Nato a: Bagno di Romagna (Fc)
Il: 23 marzo 1969

Residente a: Bagno di Romagna (Fc)

Stato civile: sposato con 3 figli (1 maschio e 2 femmine) e nonno dall'età di 45 anni

Soprannome: Stefanino

Specialità: scalatore

Altezza: 1,71 m

Peso forma: 61 kg

Attività: cantoniere provinciale

Squadre ciclistiche:

2004-2006 Wellness Bike Acquapartita (Amatore)
2007-2008 AS La Torre Bike Cesena (Amatore)
2009-2013 Lucky Bike Forlì (Amatore)
2014-2015 KTM ASD Scatenati (Amatore)

Titoli:

2005 Campione provinciale della montagna UDACE cat. Senior (Forlì-Cesena)
2010 Campione italiano granfondo UDACE cat. Veterani
2011 Campione italiano granfondo UDACE cat. Veterani

Piazzamenti in campionati nazionali:

2009 Campionato italiano granfondo UDACE: 2° cat. Veterani e 5° assoluto
2012 Campionato italiano granfondo ACSI-UDACE: 2° cat. Veterani e 3° assoluto
2013 Campionato italiano granfondo ACSI-UDACE: 3° cat. Veterani

Risultati nelle granfondo (podi di categoria, percorsi lunghi):

2009 GF Città di Colonnella - secondo
  GF del Gargano - terzo
2010 GF dell'Acquese - primo
  GF Michele Bartoli - secondo
2011 GF Michele Bartoli - terzo
2012 Maratona degli Appennini - secondo
2014 GF Nove Colli - terzo
  GF del Capitano - terzo
2015 GF dell'Amore Francesco Cesarini - secondo
  GF Nove Colli - terzo
  GF Stelvio Santini - secondo
  GF La Montblanc - terzo

29 luglio 2015 - Stefano Benci è uno scalatore romagnolo che veste i colori del team KTM ASD Scatenati per la seconda stagione consecutiva. Frequenta le granfondo da un decennio con spirito da agonista vero. Ha un rendimento molto regolare ed è un habitué della top 100 con diversi piazzamenti entro la 50ª posizione assoluta e qualche puntatina nelle prime 20. Corre fra i Veterani, di certo una delle categorie più agguerrite, dove spesso lo troviamo nei primi dieci e non di rado a ridosso del podio. Andiamo a conoscerlo.

Stefano, come e quando è nata la tua passione per il ciclismo?

Nei primi anni 90. Abitando sul Passo del Carnaio la bici è la cosa più bella in assoluto, anche per spostarsi e fare cicloturismo puro. Poi nel 2003 mi sono trovato a pedalare con dei ragazzi del Gc Alto Savio che mi dicevano «sei sprecato per i cicloraduni». Così nel 2004-2005 ho iniziato con le cronoscalate perché avevo paura del gruppo e anche perché andavo già forte in salita. Nel 2006 ho iniziato con i circuiti e qualche mediofondo ma non era il mio pane perché vengo fuori alla distanza e più le gare sono dure e più mi diverto.

Così sei passato alle granfondo. C'è un personaggio che per te come ciclista è stato determinante?

Io sono dell'era di Marco Pantani e lo conoscevo anche personalmente: quando si allenava sul Passo del Fumaiolo lo vedevo passare mentre lavoravo. Mi aveva toccato il suo modo di andare in bici, il suo carisma, le sue gesta. Mi piacciono le sue gesta. Oggi mi piacciono Contador, Nibali ma lui è unico. Dalle mie parti c'è la neve cinque mesi all'anno e d'inverno mi alleno sui rulli in tavernetta davanti al pc e ancora oggi lo faccio guardando le sue imprese.

Come è cambiato nel tempo il tuo modo di andare in bici rispetto a quando hai iniziato?

Nel 2009, da quando ho iniziato le granfondo, c'è stato un cambio di marcia. Dopo le prime 2-3 granfondo di quell'anno mi è venuto tutto logico. Mi alleno da solo, senza tabelle, seguendo i consigli di due miei grandi amici: Emanuele Ciotti della Lucky Bike e Antonio Dall'Acqua di Milano, entrambi medici. Nonostante il passare degli anni, mi conosco sempre meglio e la prestazione migliora anche se il recupero si allunga.

Quante ore riesci a dedicare alla bici ogni settimana?

Esco dalle tre alle cinque volte: il lunedì, il mercoledì e il venerdì ho il pomeriggio libero, poi il sabato e la domenica pedalo con gli amici. In media sono 4 uscite per una distanza di 350/500 chilometri a settimana. In realtà in un anno non faccio tantissimi chilometri, sono arrivato al massimo a 14.000. Dal 20 settembre al 20 dicembre vado alla ricerca di tartufi bianchi e stacco completamente dalla bici e questo mi aiuta molto: non vedo l'ora di ricominciare e ogni anno ho la stessa passione dell'anno precedente. In inverno, durante la preparazione arrivo anche a 6/7 sedute di allenamento sui rulli.

Cos'è il ciclismo per Stefano Benci?

É una parte importantissima. Al primo posto metto la mia famiglia, che adoro, poi c'è il ciclismo. Non riesco a immaginarmi senza. Prendere la bici, andare in giro, sentire l'aria che passa sotto il casco… A parte lo Zoncolan, ho fatto tutte le salite d'Italia ma emozionanti come il Gavia non ce ne sono. Un'altra che mi ha impressionato è il Fauniera.

Il bello del ciclismo è che conosci tutta Italia, ormai ho amici, ma proprio amici, da Milano a Roma, a Torino, a Taranto, Faenzam, Ravenna, Rimini... Il ciclismo è agonismo ma anche molta correttezza fra i compagni e gli amici di questi anni.

E con i compagni di squadra che pedalano al tuo fianco?

Da parte mia c'è una rivalità sana: non ci troviamo spesso in allenamento insieme, ma quelle volte che succede cerchiamo di stimolarci, senza invidia né agonismo. Io sono un montanaro schietto, e non ho mai sgomitato con la bici. Stravedo per Valerio Magnani, che è una persona squisita. Sono grande amico di Manuel Biserna di cui ero già stato compagno di squadra. Un altro grande amico anche di sella è Roberto Mirri, insieme ci chiamano "il gatto e la volpe". Ho cambiato tante squadre ma qui ho trovato proprio il mio habitat. Con Stefano Laghi - il President - ho un rapporto di amicizia vera e gli devo molto come tranquillità. È un presidente atipico: ha impostato la squadra sull'agonismo ma lascia liberi e quando ti trovi bene le cose vengono più facili. Un esempio. Tra di noi nessuno è un campione, paragonabile ai vincitori delle granfondo, ma siamo una squadra molto agonistica. Sentiamo molto le gare ma il modo di fare di Laghi ti mette a tuo agio. Per noi la Nove Colli non è una granfondo, ma "la" granfondo. Quest'anno ci sono arrivato al top della forma e avevo paura di sbagliare. Lui mi ha saputo dare tranquillità: «sai quel che devi fare, andrà bene». Mi piace il ritrovarsi, fare i raduni, mangiare come i maiali e in questa squadra c'è anche quello. Tra una granfondo l'altra ci aggreghiamo al gruppo capitanato da Claudio Vestrucci per partecipare alle cicloturistiche ed è raro trovare questo in una squadra agonistica.

Mi trovo veramente bene con gli Scatenati; non riesco a pensarmi in un'altra squadra.

Quali sono i tuoi obiettivi principali per il prosieguo della stagione 2015?

Fatte la Sportful e La Montblanc andrò all'Oztaler, ma conoscendomi non starò due mesi senza correre.

Qual è stata la tua gara più bella, quella che ricordi più volentieri?

Non ce n'è una sola ma al primo posto c'è la Nove Colli 2014: la gara perfetta! E quest'anno se non avessi rotto il pacco pignoni avrei vinto la categoria.

Un tuo sogno nel cassetto da ciclista e come uomo?

Continuare a divertirmi così. Visto che spesso vado sul podio in una categoria che non è facile come quella dei Veterani, vorrei vincerla una volta per Laghi e per la squadra. Quest'anno sono arrivato 2° alla Gf Stelvio Santini per 49 secondi, ma non è che non ci dormo.

Grazie Stefano, in bocca al lupo!

Informazioni:

Gli Scatenati - sito ufficiale

Letto : 1317 | Torna indietro