Il tuo IP č 54.236.35.159
Notizie

 
Criterium Italiano UISP 2014

Criterium UISP: in 2.850 cicloturisti alla GF Ercole Baldini

Inserito il 08 giugno 2014 alle 23:36:00 da roberto. IT -

E all’arrivo pasta party con l’olimpionico di Melbourne 1956 accompagnato dall'amico Dino Bruni. «Quando mi venne chiesto di dare il mio nome – ha affermato il "Treno di Forlì" – ho messo come condizione che la corsa non fosse competitiva, perché più sicura per tutti».


Gli oltre 2.850 partecipanti alla GF La Ercole Baldini sono stati messi alla prova da una domenica di grande caldo.

Massa Lombarda (Ra), 8 giugno – Tra i ciclisti c’è l’usanza di dividersi in due categorie, quelli che vanno veloci e tengono le mani nella parte bassa del manubrio, e quelli più lenti che le tengono sopra. Lo sa bene Ercole Baldini, campione olimpico nel 1956, al quale è dedicata la granfondo non competitiva che si è tenuta oggi a Massa Lombarda, in provincia di Ravenna, organizzata dalla Ciclistica Massese. L’evento, giunto alla nona edizione, ha contato la partecipazione di 2.850 cicloturisti, accomunati proprio dal gusto per l’andatura lenta. «Apprezzo molto questo tipo di manifestazioni – ha commentato l’olimpionico, intervenuto per le premiazioni – tanto che quando mi venne chiesto di dare il mio nome all’iniziativa ho messo come condizione che la corsa non fosse competitiva. Perché le gare dure per persone non preparate e non seguite possono essere pericolose».

Rischi che invece non corrono i cicloturisti partecipanti alle granfondo non competitive UISP, che in questi eventi partono al mattino alla francese (ovvero a gruppi sparsi), senza numeri né cronometro, e che hanno tutto il tempo per fermarsi nei ristori lungo il percorso, per chiacchierare e affrontare rinfrancati le salite successive. «I nostri percorsi sono tre, da 60, 110 e 142 chilometri – spiega Veliano Longhi, presidente del gruppo sportivo Ciclistica Massese –. Il primo è per principianti, il secondo per persone più allenate e il terzo più duro, che passa nella vallata del Sintria, che chiamiamo la nostra Parigi-Roubaix, e poi il Martin Poggiolo, la nostra Cima Coppi, nuda che sembra dolomitica. E sia nel medio che nel lungo la ciliegina dei Tre Monti, maledetta da tutti, anche se poi mi dicono che se la levo mi picchiano».

La granfondo Ercole Baldini ha chiuso oggi il Circuito Romagnolo, un insieme di cinque granfondo non agonistiche che si disputano tutte in Romagna tra Imola, Faenza e Lugo. Come sempre in questi appuntamenti premi per le prime 50 società con il maggior numero di partecipanti e chilometri percorsi. Al primo posto il Team Bike Passion Faenza, seguito da Baracca Lugo e AVIS Faenza nell'ordine. Sul palco per le premiazioni anche Dino Bruni, argento nella prova di ciclismo a squadre alle Olimpiadi di Helsinki 1952 e grande amico di Ercole. «Ci siamo conosciuti perché eravamo entrambi della zona – ha ricordato – e ci allenavamo insieme. Poi eravamo legati dalla musica, perché a lui piaceva la classica e a me la lirica». Archiviato il Circuito Romagnolo continua invece il Criterium Individuale UISP. Prossima tappa il 15 giugno a Bologna con la granfondo di Gaggio Montano organizzata dalla Polisportiva Lame.

Per saperne di più…

Clicca qui per scaricare la galleria fotografica

Clicca qui per scaricare la classifica completa

GF La Ercole Baldini

Criterium Italiano UISP

Letto : 1202 | Torna indietro